frecce

Agire il cambiamento

"AGIRE IL CAMBIAMENTO" Corso di formazione

Progetto Fondartigianato Multiregionale a titolarità di ECIPAR Emilia Romagna

Leggi tutto: Agire il cambiamento

Il maggio formativo

ECIPA ABRUZZO

Il mese della formazione

Leggi tutto: Il maggio formativo

Botteghe Scuola

Roma, 16 e 17 aprile 2015 – Si è svolto presso la sede di CNA Nazionale in P.zza M. Armellini 9/A, il corso di Formazione per la rete CNA ECIPA “Modelli di integrazione risorse e programmazione fra Fondartigianato e FSE Regionale” e “Botteghe scuola” .

Leggi tutto: Botteghe Scuola

Poli Tecnico - Professionali e Formazione Superiore

Roma, 10 e 11 marzo 2015 – Si è svolto presso la sede di CNA Nazionale in P.zza M. Armellini 9/A, il corso di Formazione per la rete CNA ECIPA “Poli Tecnico - Professionali e Formazione Superiore.

L'iniziativa è stata la prima di una serie di sessioni formative e si inserisce nel Progetto a carattere multiregionale CRESCO 0005173 gestito da Ecipar Emilia Romagna e finanziato da Fondartigianato.

L'attività ha la finalità di generare piani di innovazione/miglioramento continuo e di condividere le esperienze all'interno del sistema CNA ECIPA.

Nella prima sessione formativa, mediante la presentazione delle diverse applocazioni dei modelli di "Poli Tecnico - Professionali" e "Formazione Superiore" sperimentati a livello nazionale, è stato possibile condividere le esperienze formative. Questo primo incontro ha avuto come finalità la condivisione dei diversi dispositivi formativi ed il consolidamento e diffusione dei modelli formativi adattabili e replicabili.

Seguiranno altri incontri formativi che affronteranno le seguenti tematiche:

  • "Modelli di integrazione delle risorse e di programmazione fra Fondartigianato e FSE Regionale"; avrà l'obiettivo di diffondere la conoscenza  di modelli e pratiche sperimentati nelle diverse regioni
  • Analisi delle esperienze e dei dispositivi regionali di accreditamento dei maestri artigiani e delle "Botteghe scuola"
  • Analisi della normativa nazionale e regionale che regola l'erogazione di Srvizi per il Lavoro e diffusione delle buone pratiche sperimentate nel Sistema Ecipa.

Leggi tutto: Poli Tecnico - Professionali e Formazione...

Seminario Nazionale Fondartigianato

Fondartigianato, FSBA e la nuova contrattazione collettiva dell’artigianato e dell’industria
Le norme sulla formazione continua nei contratti di lavoro e gli strumenti della bilateralità

Bologna, 22.23 gennaio 2015
Aemilia Hotel
Via G. Zacherini Alvisi, 16

Programma >

CNA BXL: partecipazione info day Bando 2015- ERASMUS +: azioni Alleanza per la conoscenza" e le "Alleanze per le abilità settoriali" - INVIO REPORT

Lo scorso 12 novembre si è svolto a Bruxelles  l’info day dedicato, in particolare, a due azioni previste nel bando: le “Alleanza per la conoscenza” e le “Alleanze per le abilità settoriali”.

Il Bando 2015 Erasmus + è organizzato in tre azioni chiave:

  1. Mobilità per l’apprendimento (KA1) che favorisce l’apprendimento di studenti in formazione professionale, apprendisti, giovani neodiplomati e neo-qualificati, docenti, formatori e operatori della formazione professionale. Tale azione è volta a migliorare le competenze attraverso esperienze di apprendimento in altri Paesi, nonché rafforzare la qualità dell’insegnamento, ampliare le conoscenze e la comprensione delle politiche nazionali e promuovere una maggiore internazionalizzare delle istituzioni educative e formative.
  1. La Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone prassi (KA2) che mira a sostenere la modernizzazione e il rafforzamento dei sistemi di istruzione e formazione, in risposta alle sfide attuali di occupabilità, stabilità, crescita economica e partecipazione alla vita democratica. Tale misura sostiene la realizzazione di iniziative di networking, sviluppo e trasferimento di pratiche educative e formative innovative, nonché lo scambio di esperienze tra stakeholder rilevanti. I destinatari della misura sono istituti ed organismi di istruzione e formazione; associazioni di giovani; università; consorzi internazionali; autorità locali, regionali, nazionali e comunitarie; imprese; parti sociali e Ong.
  1. 3.Supporto alle riforme politiche (KA3).

In particolare, l’azione KA2 Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone prassi supporta  i partenariati strategici e le "Alleanze della conoscenza" e le "Alleanze delle abilità settoriali" dove entrambe le "alleanze" favoriscono sinergie tra il mondo dell’istruzione/formazione e quello del lavoro.

Le prime consistono in partenariati tra istituti di istruzione superiore e imprese finalizzati a incentivare la creatività, l'innovazione e l'imprenditorialità, offrendo nuove opportunità di apprendimento e qualifiche. Le seconde, invece, realizzano partenariati tra istituti di istruzione e formazione e imprese per promuovere l'occupazione e colmare i deficit di competenze, sviluppando programmi di studio ad hoc per settore e forme innovative di insegnamento e formazione.

Le tempistiche per entrambe le azioni sono le seguenti:

  • deadline per la presentazione della proposta: 26 febbraio 2015, ore 12:00 (orario di Bruxelles);
  • periodo durante il quale si procederà alla valutazione: 5 mesi dalla chiusura della call;
  • avviso ai partecipanti: luglio 2015;
  • data di inizio delle azioni: 1° novembre 2015.

Il sostegno economico previsto dal bando è così fissato: un contributo massimo concesso dall’Unione Europea per progetti di 2 anni di 700.000 EUR ed  un contributo massimo concesso dall’Unione Europea per progetti di 3 anni di 1.000.000 EUR.

Tali contributi sono calcolati utilizzando la scala fissa di costi unitari che è possibile consultare all’interno della Guida al Programma: http://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/discover/guide/index_en.htm

In allegato il report dell’info day e la scheda del Bando 2015 elaborati dall’Ufficio di ISB in Europe mentre, qui di seguito sono i riportati i principali link da consultare:

Link alle presentazioni:

http://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/events/erasmus-plus-knowledge-alliances-and-sector-skills-alliances-infoday_en

Informazioni e suggerimenti sull’azione “Alleanze per la Conoscenza”:

http://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/actions/key-action-2-cooperation-for-innovation-and-exchange-good-practices/knowledge-alliances_en

Informazioni e suggerimenti sull’azione “Alleanze per le Abilità Settoriali”:

http://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/actions/key-action-2-cooperation-for-innovation-and-exchange-good-practices/sector-skills-alliances_en

Forum del Mercato Unico - Roma, 1° dicembre 2014

Forum del Mercato Unico: conferenza sulla Tessera professionale europea - Roma, 1° dicembre 2014

Programma

09:30-10:00 Registration/welcome coffee
10:00-11:00 Opening of the conference
11:00-11:30 Coffee break
11:30-13:00 Plenary session "Raison d'être" of the EPC
13:00-14:30 Lunch
14:30-15:30 Plenary session - Panel 1
15:45-17:00 Plenary session - Panel 2
17:00-17:30 Closing of the conference Conference Venue

Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 – 00187 Rome (Italy)

Isfol per la crisi

 

Monitoraggio e supporto alla valutazione delle misure di contrasto alla crisi occupazionale

 

Isfol, in collaborazione con Inps e Italia lavoro, realizza il “Monitoraggio e supporto alla valutazione delle misure di contrasto alla crisi occupazionale” che discendono dall’Accordo Stato Regioni sulle misure passive-attive cosiddette” in deroga”.

L’attività ha come obiettivo:

  • la raccolta e sistematizzazione delle informazioni sull’attuazione delle misure regionali;
  • l’analisi delle strategie operative d’intervento adottate a livello territoriale (politiche attive e passive del lavoro) per arginare l’emergenza occupazionale, in termini di azioni concrete a diretto impatto su quei gruppi di popolazione maggiormente esposti alle conseguenze della crisi;
  • la realizzazione di approfondimenti valutativi a partire dagli archivi amministrativi disponibili;
  • lo sviluppo di metodologie valutative per la misurazione del contributo degli interventi di accompagnamento al reinserimento lavorativo della popolazione trattata dagli ammortizzatori sociali;
  • supporto al monitoraggio e valutazione della riforma degli ammortizzatori sociali prevista dalla L. 92/2012.

Il 21 maggio 2013, in occasione del Comitato Risorse Umane di Fondo Sociale Europeo 2007 – 2012, è stato presentato e diffuso il Report concernente l’analisi dell’attuazione e degli effetti prodotti dall’attuazione dell’Accordo Stato Regioni concernente le misure “in deroga”.

Nella seconda parte del 2013 sarà portata a termine una sperimentazione che vede coinvolta la Regione Marche, Isfol e Italia Lavoro sulla interoperabilità delle banche dati amministrative disponibili e sulla valutazione di efficacia delle misure di politica passiva e attiva realizzate nelle Marche per un più rapido e migliore reinserimento lavorativo dei lavoratori coinvolti.

Distretti sul web: formazione ed economia digitale

google-unioncamere-distretti-sul-webIl Progetto “Distretti sul web” ( http://www.google.it/get/distrettisulweb/) è il progetto sviluppato da Google e Unioncamere, con il Patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, per favorire la digitalizzazione dei distretti  industriali italiani, proponendosi di sensibilizzare e formare le PMI  appartenenti a 20 distretti italiani sulle opportunità offerte dal web mettendo a loro disposizione le competenze di 20 giovani che si sono aggiudicati una delle borse di studio messe a disposizione da Google.

Di seguito il link all'articolo del Sole:

http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2013-05-22/google-unioncamere-portano-distretti-181942.shtml?uuid=Ab0QSByH

 

Primo Rapporto nazionale di referenziazione

image miniLo scorso 29 maggio il Ministero del Lavoro e l’Isfol, in rappresentanza di tutte le Autorità nazionali e regionali, hanno presentano il Primo Rapporto di Referenziazione Nazionale allo European Qualification Framework (EQF) alla Commissione Europea e ai Paesi che aderiscono al Quadro EQF. L’EQF (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 aprile 2008) è una meta-struttura, articolata in otto livelli a complessità crescente, ognuno descritto in termini di conoscenze, abilità e competenze.

Gli Stati che aderiscono al processo sono chiamati a collocare negli otto livelli tutti i titoli di studio e le qualificazioni professionali rilasciati nel Paese. L'obiettivo è quello di disporre di uno strumento agile per favorire il riconoscimento dei titoli e delle qualifiche degli individui e sostenere i percorsi di mobilità transnazionale. Il Primo Rapporto di Referenziazione italiano è il risultato di un lavoro di analisi e confronto durato circa 4 anni, che ha visto il coinvolgimento di numerosi attori istituzionali (Ministeri del Lavoro e Politiche Sociali e dell'Istruzione, Università e Ricerca , Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le politiche europee, Regioni e Province Autonome), delle parti sociali e di esperti internazionali, e ha fatto registrare un’ampia condivisione attraverso la consultazione pubblica svoltasi lo scorso anno. Il 20 dicembre 2012 il Rapporto è stato formalmente adottato dal nostro Paese, nell'ambito di un Accordo Stato-Regioni.

Nel primo Rapporto nazionale l'Italia referenzia tutti i titoli rilasciati dal sistema di istruzione, anche a livello universitario, e le qualificazioni rilasciate dalle Regioni e Province Autonome sulla base di accordi nazionali (IeFP e IFTS). L’Advisory Group, sede deputata alla presentazione del Rapporti nazionali e gruppo di coordinamento dell’implementazione dell’EQF a livello comunitario - che riunisce le 36 autorità nazionali dei Paesi che aderiscono al processo (fra membri UE e paesi limitrofi) oltre ad alcuni stakeholders -, ha riconosciuto ed apprezzato gli sforzi fatti dal nostro Paese e i risultati raggiunti. Il processo di referenziazione è progettato, infatti, come strumento per aumentare il mutual trust, ovvero quella fiducia reciproca tra Paesi che è alla base del riconoscimento dei titoli e delle qualifiche. E' dunque un processo che esamina il complesso dei sistemi formativi di ciascun Paese per verificare la presenza di un sistema di qualificazioni definite in termini di risultati di apprendimento (learning outcomes) e l’adozione di adeguate misure di assicurazione della qualità.

L'Italia è da molti anni impegnata a rinnovare il proprio sistema di istruzione e formazione lungo le direttrici condivise a livello europeo e nella cornice della costruzione di un sistema per il lifelong learning. I risultati raggiunti con il primo Rapporto di referenziazione sono stati ampiamente sottolineati, riconosciuti ed apprezzati dall’Advisory Group che ha, da un lato, espresso l’auspicio che si possa in tempi brevi completare la seconda fase di referenziazione, relativa alle qualifiche rilasciate dalle Regioni e Province Autonome e le professioni regolamentate e, dall’altro, evidenziato l'importanza di acquisire ulteriori progressi nella generalizzazione dell'approccio per Learning Outcomes, nonché nell'introduzione effettiva di meccanismi/requisiti di qualità nei sistemi nazionali e regionali, e a livello dell'offerta formativa, in linea con la raccomandazione europea. L’intesa raggiunta il 20 dicembre 2012 assicura che, a partire dal 2014, tutti i certificati rilasciati nel nostro paese riporteranno l’indicazione del corrispondente livello EQF. Il Punto Nazionale di Coordinamento, istituito presso l’Isfol, assicurerà la diffusione del Rapporto a livello nazionale ed europeo, sostenendo l’implementazione degli impegni assunti dall’Italia.

Pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni della Pubblica Amministrazione

E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5 aprile 2013, il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33, recante "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni".

Il decreto, che è entrato in vigore il 20 aprile 2013, riordina tutte le norme che riguardano gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte delle Pubbliche amministrazioni e introducendo delle sanzioni per il mancato rispetto dei vincoli.

La Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana mette a disposizione gratuitamente delle Pubbliche Amministrazioni l'applicativo web per conformare i siti istituzionali alla nuova normativa sulla pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni delle P.A..

A tale proposito, il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione e il Direttore della Gazzetta Amministrativa hanno sottoscritto, in data 23 aprile 2013, un accordo sulla digitalizzazione e l'utilizzo di internet nella Pubblica Amministrazione, al fine di inserire nella gamma dei servizi di innovazione tecnologica gratuitamente già fruibili dalle Pubbliche Amministrazioni anche l'applicativo web "Amministrazione Trasparente" realizzato dalla Gazzetta Amministrativa.

L'applicativo web, totalmente gratuito in ogni sua fase - installazione, manutenzione, adeguamenti ed ogni altra assistenza inerente al servizio - costituisce un valido ausilio alla corretta attuazione della recente normativa di riordino di cui al D.Lgs. n. 33/2013 in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni delle Pubbliche Amministrazioni.

Apprendistato – Mancanza del CCNL e deroghe per le attività stagionali – Chiarimenti dal Ministero del Lavoro

Con gli interpelli nn. 4 e 5 del 5 febbraio 2013, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fornito importanti chiarimenti in ordine all’applicazione del contratto di apprendistato.

Il primo interpello è stato presentato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro e ha per oggetto la possibilità di sottoscrivere un contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere nei casi in cui un’azienda non applichi un CCNL, ma un contratto individuale plurimo e, per di più, nel settore di attività della stessa, manchi un accordo interconfederale che regolamenti la materia.

Il secondo è stato presentato da Federalberghi e riguarda la corretta interpretazione dell’art. 4, comma 5, D. Lgs. n. 167/2011, che introduce una particolare disciplina dell’apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere da svolgersi in «cicli stagionali». Infatti, secondo la predetta disposizione, per i datori di lavoro che svolgono attività stagionali, i CCNL possono prevedere specifiche modalità di svolgimento del contratto di apprendistato, anche a tempo determinato: l’istante chiede pertanto come tale previsione si possa conciliare con l’onere di stabilizzazione del personale apprendista ai fini dell’assunzione di altri lavoratori con tale tipologia contrattuale.

Isfol - Presentato il Rapporto Orientamento 2011

E’ stato presentato durante il convegno organizzato dall’Isfol lo scorso 25 ottobre presso la sua sede in Corso D’Italia, il Rapporto Orientamento 2011. L’uscita del volume rappresenta l’ultima tappa di un percorso di ricerca durato tre anni che si è posto un duplice obiettivo, da una parte ricostruire la fotografia della domanda e dell’offerta di orientamento in Italia e dall’altra sollecitare un rinnovamento culturale su questo argomento.

Leggi tutto: Isfol - Presentato il Rapporto Orientamento 2011

Attivato un Fondo straordinario di oltre 230 milioni di euro per incremento dell’occupazione giovanile e delle donne – Circolare dell’INPS

image galleryE’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 243 del 17 ottobre 2012, il decreto interministeriale 5 ottobre 2012, che consentirà di riconoscere ai datori di lavoro privati incentivi da destinare al sostegno dell’occupazione dei giovani e delle donne.

La misura, che ha carattere straordinario e può contare su risorse finanziarie di oltre 230 milioni di euro (nel limite di spesa di euro 196.108.953,00, per l'anno 2012 e di euro 36.000.000 per l'anno 2013), riguarderà i rapporti di lavoro stabilizzati o attivati entro il 31 marzo 2013.

Leggi tutto: Attivato un Fondo straordinario di oltre 230...

SEGUICI SUI SOCIAL

Seguici su Facebook

CONDIVIDI

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixxRSS Feed

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.