frecce

Una nuova sede per Ecipa Umbria: nuove opportunità formative e occupazionali per i cittadini

Una nuova sede per Ecipa: nuove opportunità formative e occupazionali per i cittadini

Qualcuno si è chiesto come mai ci siano tanti giovani di fronte al civico 55 di via Fontivegge a Perugia? E “non solo giovani” risponde Ecipa, considerato che la formazione erogata riguarda tutte le età e diverse tipologie di utenza (giovani in obbligo d’istruzione e in diritto dovere, post-diploma, post-laurea, apprendisti, imprenditori, lavoratori, cittadini, tirocinanti).

Finalmente Ecipa ad ottobre si è trasferita nella nuova sede. Al secondo e terzo piano del palazzo a Fontivegge, vicino alla Regione e alla stazione. Come già annunciato, aule e laboratori moderni, cloud computing, fibra ultra veloce, utilizzo del digitale e azzeramento della carta, tablet, pc, flip screen, lim: il tutto connesso e interconnesso per consentire di fruire dei contenuti didattici dentro e fuori dal centro di formazione.

Duemila metri quadrati in un edificio completamente rinnovato al suo interno e dotato dei più moderni impianti di climatizzazione, connessione wi-fi, cloud, per garantire comfort ed efficienza.

Al secondo piano la Scuola dei mestieri dove i giovani studenti, tra i 13 e 18 anni, di Ecipa/consorzio Futuro, imparano il mestiere di Acconciatore, Estetista, Grafico, Video maker, Doctor PC, Artigiana della moda, Addetto all’accoglienza turistica, al’interno di aule laboratori completamente rinnovati e attrezzati.

Al terzo piano la formazione rivolta alle imprese, ai lavoratori, agli apprendisti, ai giovani in possesso di diploma e laurea e una sala convegni per meeting tematici, riunioni, seminari.

Nuova sede Ecipa

Un centro di Formazione smart, finalizzato a rendere l’apprendimento moderno e funzionale anche alle esigenze del piano nazionale Impresa 4.0.

Le parole chiave: lavoro, innovazione, sapere, green, alla base della mission di Ecipa e dell’organizzazione della nuova sede.

Una formazione che sposti l’attenzione dal teaching al learning (dal momento dell’insegnamento all’apprendimento), che metta al centro la soggettività di ogni individuo, che sia finalizzata sviluppare i punti di forza dell’empowerment delle persone e del loro benessere.

Formazione per apprendere un mestiere, innovare le competenze, creare startup e PMI innovative, introdurre nuove tecnologie, aggiornarsi ai nuovi linguaggi, indirizzare il pensiero verso soluzioni green. La formazione per crescere, trovare lavoro, mettere insieme nuove idee.

Filosofia perseguita anche dai nostri corsi di alta formazione (corsi “smart” finanziati dalla Regione) per “Data scientist”, “Tecnico esperto di home building automation”, “Data protection” che hanno dimostrato un’alta occupabilità degli allievi e l’urgente fabbisogno  delle imprese umbre di nuove competenze e flessibilità.

Il conto alla rovescia è partito anche per l’arrivo dei 70 ragazzi e insegnanti provenienti da diversi paesi europei, all’interno del progetto comunitario Atelier of Crafts (http://www.atelierofcrafts.com) gestito da Ecipa.

Studenti francesi, spagnoli, lettoni e polacchi, dal 5 al 17 novembre si confronteranno con i giovani allievi della Scuola dei Mestieri di Ecipa e Consorzio Futuro, seguiranno insieme lezioni, lavoreranno gomito a gomito nei laboratori e svolgeranno un breve tirocinio transnazionale presso le imprese umbre dei settori beauty e wellness, grafica, design e artigianato.

Imprese che si stanno dimostrando, sempre più, giovani, dinamiche, aperte e accoglienti. Imprese smart che stanno lavorando in perfetta sintonia con Ecipa per la buona riuscita del progetto.

Questo esperimento consentirà di definire un modello europeo condiviso di insegnamento per i ragazzi che scelgono di imparare una professione in un percorso di durata biennale o triennale che abbina insegnamento d’aula, attività di laboratorio, tirocinio e apprendistato in azienda.

E la nuova sede è pronta ad accogliere i giovani europei in grande spolvero, come la d’altronde la nostra bella città, che, con le sue perle, ci riferiamo all’arte, all’architettura, l’artigianato e l’enogastronomia, ci consentirà di offrire ai giovani ospiti e ai loro insegnanti un soggiorno indimenticabile.

Per info su corsi e attività www.ecipaumbria.it; ; www.futuroformazione.it

Convegno Dalle strategie di difesa dell’occupazione alle politiche di sviluppo delle competenze (Formazione, lavoro, salario e impresa per le riorganizzazioni 4.0)

La Fondazione ECIPA organizza il convegno "Dalle strategie di difesa dell’occupazione alle politiche di sviluppo delle competenze (Formazione, lavoro, salario e impresa per le riorganizzazioni 4.0), che si terrà a Roma il 9  e il 10 ottobre presso la sede della CNA Nazionale.

Leggi tutto: Convegno Dalle strategie di difesa...

Convegno Progetto dello sviluppo della CNA nel mezzogiorno

La Fondazione ECIPA parteciperà al convegno "Progetto dello sviluppo della CNA nel mezzogiorno, organizzato dalla CNA nazionale, che si terrà a Roma il 17 e il 18 ottobre presso la sede della CNA Nazionale. L'ECIPA interverrà presentando le attività della fondazione e testimonianze ed esperienze utili a delineare una strategia per il sud.

Di seguito il programma: 

PROGRAMMA - PROGETTO MEZZOGIORNO 17 e 18 settembre 2018.pdf

Shared Value. Condividere e integrare valori, risorse e responsabilità | INNOtalks

shared Value. Condividere e integrare valori, risorse e responsabilità | INNOtalks Martedì 11 settembre, H 18.30 presso Ecipa, via della Pila 3B – Marghera (VE)

Evento gratuito e aperto a tutti, iscrizioni al link bit.ly/INNO3Iscriviti Seguirà aperitivo di networking Shared Value. Un tema di attualità ma difficile da definire nell’universo del lavoro italiano che rimane frammentato fra politiche sociali, sostenibilità economica e responsabilità sociale d’impresa.

Shared Value è un concetto che esplora il legame tra sistema economico e società. L’assunto è che nessun’azienda è un’entità a sé stante. Lo sviluppo di un’impresa dipende dunque dalla qualità e quantità della domanda domestica. Di contro, un contesto sociale e territoriale in salute dipende dalla presenza di imprese che sono in grado di dare lavoro, offrire salari e stipendi adeguati, acquistare beni e servizi di qualità, pagare le tasse, proteggere l’ambiente, utilizzare le risorse in modo efficiente, etc.

Il risultato è un approccio innovativo alla sostenibilità che veda la crescita sociale come un obiettivo centrale. Ne parliamo assieme a Massimiliano Ventimiglia, già co-fondatore di H-FARM, fondatore di H-ART (adesso AKQA), Chief Digital Officer di WPP e ora, da Maggio 2018, fondatore e presidente di Onde Alte, un nuovo progetto imprenditoriale che nasce con la forma di ‘società benefit’. Onde Alte è una giovane agenzia che si sta dedicando a progetti che hanno un proposito di cambiamento e di impatto positivo per la società. Combinando competenze come il design, i contenuti, i dati, la tecnologia per immaginare e realizzare progettualità dense, con un senso, di grande attenzione al bene comune oltre che alla sola sostenibilità economica.

L’incontro durerà circa un ora e poi lasceremo spazio alle domande e ad un aperitivo di networking durante il quale chiacchierare e conoscerci meglio. INNO è molto più di un nuovo brand! E’ il brand del progetto Interreg Italia-Slovenia NUVOLAK2, che rappresenta una community a supporto dello sviluppo di idee innovative. Il progetto combina infatti conoscenza, esperienza e scambia di buone pratiche sui temi di innovazione, marketing, branding e uso di strumenti ITC per incrementare la competitività di PMI nell’area trasfrontaliera.

Gli INNOtalks sono uno degli strumenti del progetto: una serie di incontri formali in cui un ospite presenta un progetto vincente, un caso aziendale in cui l’innovazione incontra il mondo delle imprese.

Gli ospiti saranno sempre imprenditori di successo o esperti del mondo aziendale o del marketing che condivideranno le loro esperienze confrontando più mercati e punti di vista. Maggiori info su www.inno.si

progetto Labs.4.SMEs

Il progetto Labs.4.SMEs si propone di supportare le PMI nel processo di innovazione e di trasformazione digitale favorendo la collaborazione con i FabLab.
Uno degli strumenti per farlo è una piattaforma online che evidenzia i servizi offerti, i progetti in corso e le success stories.  Si prevede inoltre la realizzazione di 20 progetti pilota tra Lab e aziende per accelerare l’innovazione digitale.

E’ ONLINE IL BANDO “INNOVATION CHALLENGES”: LE PMI POSSONO PARTECIPARE PRESENTANDO PROGETTI 4.0 DA REALIZZARE IN COLLABORAZIONE E CON IL SUPPORTO DI UN FABLAB

CHI PUÒ PARTECIPARE?

PMI con sede legale in:
  • Austria (Salisburgo, Tirolo);
  • Italia (Friuli Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Bolzano, Veneto – solo province di Belluno, Treviso, Vicenza).

I progetti selezionati saranno avviati nel mese di ottobre 2018 e potranno beneficiare di un contributo fino ad un massimo di € 5.000.

PER CONSULTARE I CRITERI DI SELEZIONE E PRESENTARE LA PROPRIA CANDIDATURA VISITATE IL SITO DI PROGETTO!
DEADLINE: 6 LUGLIO 2018

formete al via i corsi di formazione per le imprese

Sul sito della CNA Nazionale è stata pubblicata la nuova iniziativa dell'ECIPA destinata ai corsi di formazione per le imprese.

 La formazione è uno strumento vitale di crescita per le piccole e medie imprese, essenziale per competere su mercati che richiedono qualità di servizi e professionalità. Per questa ragione la Fondazione CNA Ecipa, attraverso la piattaforma del sistema “Formerete" dedicato al progetto di e-learning, ha ampliato, da quest’anno, la propria offerta formativa alle diverse categorie di attività della CNA. Con il progetto, basato su un'attenta analisi dei fabbisogni, s'intende offrire alle imprese associate alla Confederazione un insieme di corsi brevi e professionalizzanti progettati con la consulenza dell’Università di Roma “La Sapienza”. I corsi, realizzati in stretta collaborazione con le unioni, cui si riferiscono i diversi mestieri e le attività delle imprese, saranno proposti alle imprese come un servizio incluso nella tessera associativa. I primi corsi hanno coinvolto le imprese di pulizia, mentre i prossimi riguarderanno le tecniche di vendita e cosmetologia e saranno rivolti alle imprese del settore benessere. 

Con "Formerete" CNA dimostra l’attenzione e l’ampliamento dei servizi offerti alla rete delle imprese associate: perché essere soci significa essere parte di un sistema che rende le imprese più forti, professionali e competitive sul mercato.

Per restare aggiornati sui prossimi corsi scrivete a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 http://www.cna.it/notizie/formerete-al-i-corsi-di-e-learning-le-imprese#.WyoNxFUzaUk

La sfida del lavoro 4.0

QUANDO: VENERDÌ 08/06/2018 – H 14.00-18.00
DOVE:  VIA S. FRANCESCO, 4, 36016 THIENE (VI) – MAKE IN ITALY FESTIVAL
ISCRIZIONI GRATUITE CLICCANDO SUL LINK HTTP://BIT.LY/ISCRIZIONE8GIU


L’adozione della tecnologia digitale e dell’IoT nei prodotti e nei processi produttivi sta cambiando il lavoro e l’organizzazione delle imprese. Flessibilità, competenze e smart working diventano elementi chiave dei cambiamenti in atto.

Le scelte delle singole imprese in materia di digitalizzazione comporteranno un ripensamento della realtà aziendale sia dal punto di vista della gestione delle risorse umane sia dell’introduzione di nuovi modelli di organizzazione del lavoro (e di welfare).

Il workshop sarà un’occasione per approfondire questi aspetti e confrontarsi con esperti del settore e attori del territorio sull’impresa del lavoro 4.0.


PROGRAMMA

h.14.00 Apertura Lavori
Moreno De Col – Ecipa

h.14.15 La trasformazione digitale, i lavoratori imprenditivi, le professioni ibride ed i colletti azzurri
Martina Gianecchini – Università degli Studi di Padova

h.15.30 Come cambia il lavoro – attori a confronto
Luca de Pietro – Venice International University
Martina Gianecchini – Università degli Studi di Padova
Attori del territorio: le aziende si raccontano
– Nicola Sartore, Sariv srl
– Stefano Costa, Bluewind srl
– Eugenio Lovato, Lovato Laser snc

h.17.45 Conclusioni
Mario Borin – CNA Veneto

h.18.00 Chiusura Lavori e aperitivo di networking

PERLEGGERE I PROFILI AZIENDALI: http://bit.ly/Evento8GIU
PERMAGGIORI INFORMAZIONI CONTATTARE: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Agire il cambiamento

"AGIRE IL CAMBIAMENTO" Corso di formazione

Progetto Fondartigianato Multiregionale a titolarità di ECIPAR Emilia Romagna

Leggi tutto: Agire il cambiamento

Il maggio formativo

ECIPA ABRUZZO

Il mese della formazione

Leggi tutto: Il maggio formativo

Botteghe Scuola

Roma, 16 e 17 aprile 2015 – Si è svolto presso la sede di CNA Nazionale in P.zza M. Armellini 9/A, il corso di Formazione per la rete CNA ECIPA “Modelli di integrazione risorse e programmazione fra Fondartigianato e FSE Regionale” e “Botteghe scuola” .

Leggi tutto: Botteghe Scuola

Poli Tecnico - Professionali e Formazione Superiore

Roma, 10 e 11 marzo 2015 – Si è svolto presso la sede di CNA Nazionale in P.zza M. Armellini 9/A, il corso di Formazione per la rete CNA ECIPA “Poli Tecnico - Professionali e Formazione Superiore.

L'iniziativa è stata la prima di una serie di sessioni formative e si inserisce nel Progetto a carattere multiregionale CRESCO 0005173 gestito da Ecipar Emilia Romagna e finanziato da Fondartigianato.

L'attività ha la finalità di generare piani di innovazione/miglioramento continuo e di condividere le esperienze all'interno del sistema CNA ECIPA.

Nella prima sessione formativa, mediante la presentazione delle diverse applocazioni dei modelli di "Poli Tecnico - Professionali" e "Formazione Superiore" sperimentati a livello nazionale, è stato possibile condividere le esperienze formative. Questo primo incontro ha avuto come finalità la condivisione dei diversi dispositivi formativi ed il consolidamento e diffusione dei modelli formativi adattabili e replicabili.

Seguiranno altri incontri formativi che affronteranno le seguenti tematiche:

  • "Modelli di integrazione delle risorse e di programmazione fra Fondartigianato e FSE Regionale"; avrà l'obiettivo di diffondere la conoscenza  di modelli e pratiche sperimentati nelle diverse regioni
  • Analisi delle esperienze e dei dispositivi regionali di accreditamento dei maestri artigiani e delle "Botteghe scuola"
  • Analisi della normativa nazionale e regionale che regola l'erogazione di Srvizi per il Lavoro e diffusione delle buone pratiche sperimentate nel Sistema Ecipa.

Leggi tutto: Poli Tecnico - Professionali e Formazione...

Seminario Nazionale Fondartigianato

Fondartigianato, FSBA e la nuova contrattazione collettiva dell’artigianato e dell’industria
Le norme sulla formazione continua nei contratti di lavoro e gli strumenti della bilateralità

Bologna, 22.23 gennaio 2015
Aemilia Hotel
Via G. Zacherini Alvisi, 16

Programma >

CNA BXL: partecipazione info day Bando 2015- ERASMUS +: azioni Alleanza per la conoscenza" e le "Alleanze per le abilità settoriali" - INVIO REPORT

Lo scorso 12 novembre si è svolto a Bruxelles  l’info day dedicato, in particolare, a due azioni previste nel bando: le “Alleanza per la conoscenza” e le “Alleanze per le abilità settoriali”.

Il Bando 2015 Erasmus + è organizzato in tre azioni chiave:

  1. Mobilità per l’apprendimento (KA1) che favorisce l’apprendimento di studenti in formazione professionale, apprendisti, giovani neodiplomati e neo-qualificati, docenti, formatori e operatori della formazione professionale. Tale azione è volta a migliorare le competenze attraverso esperienze di apprendimento in altri Paesi, nonché rafforzare la qualità dell’insegnamento, ampliare le conoscenze e la comprensione delle politiche nazionali e promuovere una maggiore internazionalizzare delle istituzioni educative e formative.
  1. La Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone prassi (KA2) che mira a sostenere la modernizzazione e il rafforzamento dei sistemi di istruzione e formazione, in risposta alle sfide attuali di occupabilità, stabilità, crescita economica e partecipazione alla vita democratica. Tale misura sostiene la realizzazione di iniziative di networking, sviluppo e trasferimento di pratiche educative e formative innovative, nonché lo scambio di esperienze tra stakeholder rilevanti. I destinatari della misura sono istituti ed organismi di istruzione e formazione; associazioni di giovani; università; consorzi internazionali; autorità locali, regionali, nazionali e comunitarie; imprese; parti sociali e Ong.
  1. 3.Supporto alle riforme politiche (KA3).

In particolare, l’azione KA2 Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone prassi supporta  i partenariati strategici e le "Alleanze della conoscenza" e le "Alleanze delle abilità settoriali" dove entrambe le "alleanze" favoriscono sinergie tra il mondo dell’istruzione/formazione e quello del lavoro.

Le prime consistono in partenariati tra istituti di istruzione superiore e imprese finalizzati a incentivare la creatività, l'innovazione e l'imprenditorialità, offrendo nuove opportunità di apprendimento e qualifiche. Le seconde, invece, realizzano partenariati tra istituti di istruzione e formazione e imprese per promuovere l'occupazione e colmare i deficit di competenze, sviluppando programmi di studio ad hoc per settore e forme innovative di insegnamento e formazione.

Le tempistiche per entrambe le azioni sono le seguenti:

  • deadline per la presentazione della proposta: 26 febbraio 2015, ore 12:00 (orario di Bruxelles);
  • periodo durante il quale si procederà alla valutazione: 5 mesi dalla chiusura della call;
  • avviso ai partecipanti: luglio 2015;
  • data di inizio delle azioni: 1° novembre 2015.

Il sostegno economico previsto dal bando è così fissato: un contributo massimo concesso dall’Unione Europea per progetti di 2 anni di 700.000 EUR ed  un contributo massimo concesso dall’Unione Europea per progetti di 3 anni di 1.000.000 EUR.

Tali contributi sono calcolati utilizzando la scala fissa di costi unitari che è possibile consultare all’interno della Guida al Programma: http://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/discover/guide/index_en.htm

In allegato il report dell’info day e la scheda del Bando 2015 elaborati dall’Ufficio di ISB in Europe mentre, qui di seguito sono i riportati i principali link da consultare:

Link alle presentazioni:

http://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/events/erasmus-plus-knowledge-alliances-and-sector-skills-alliances-infoday_en

Informazioni e suggerimenti sull’azione “Alleanze per la Conoscenza”:

http://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/actions/key-action-2-cooperation-for-innovation-and-exchange-good-practices/knowledge-alliances_en

Informazioni e suggerimenti sull’azione “Alleanze per le Abilità Settoriali”:

http://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/actions/key-action-2-cooperation-for-innovation-and-exchange-good-practices/sector-skills-alliances_en

Forum del Mercato Unico - Roma, 1° dicembre 2014

Forum del Mercato Unico: conferenza sulla Tessera professionale europea - Roma, 1° dicembre 2014

Programma

09:30-10:00 Registration/welcome coffee
10:00-11:00 Opening of the conference
11:00-11:30 Coffee break
11:30-13:00 Plenary session "Raison d'être" of the EPC
13:00-14:30 Lunch
14:30-15:30 Plenary session - Panel 1
15:45-17:00 Plenary session - Panel 2
17:00-17:30 Closing of the conference Conference Venue

Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 – 00187 Rome (Italy)

Isfol per la crisi

 

Monitoraggio e supporto alla valutazione delle misure di contrasto alla crisi occupazionale

 

Isfol, in collaborazione con Inps e Italia lavoro, realizza il “Monitoraggio e supporto alla valutazione delle misure di contrasto alla crisi occupazionale” che discendono dall’Accordo Stato Regioni sulle misure passive-attive cosiddette” in deroga”.

L’attività ha come obiettivo:

  • la raccolta e sistematizzazione delle informazioni sull’attuazione delle misure regionali;
  • l’analisi delle strategie operative d’intervento adottate a livello territoriale (politiche attive e passive del lavoro) per arginare l’emergenza occupazionale, in termini di azioni concrete a diretto impatto su quei gruppi di popolazione maggiormente esposti alle conseguenze della crisi;
  • la realizzazione di approfondimenti valutativi a partire dagli archivi amministrativi disponibili;
  • lo sviluppo di metodologie valutative per la misurazione del contributo degli interventi di accompagnamento al reinserimento lavorativo della popolazione trattata dagli ammortizzatori sociali;
  • supporto al monitoraggio e valutazione della riforma degli ammortizzatori sociali prevista dalla L. 92/2012.

Il 21 maggio 2013, in occasione del Comitato Risorse Umane di Fondo Sociale Europeo 2007 – 2012, è stato presentato e diffuso il Report concernente l’analisi dell’attuazione e degli effetti prodotti dall’attuazione dell’Accordo Stato Regioni concernente le misure “in deroga”.

Nella seconda parte del 2013 sarà portata a termine una sperimentazione che vede coinvolta la Regione Marche, Isfol e Italia Lavoro sulla interoperabilità delle banche dati amministrative disponibili e sulla valutazione di efficacia delle misure di politica passiva e attiva realizzate nelle Marche per un più rapido e migliore reinserimento lavorativo dei lavoratori coinvolti.

Distretti sul web: formazione ed economia digitale

google-unioncamere-distretti-sul-webIl Progetto “Distretti sul web” ( http://www.google.it/get/distrettisulweb/) è il progetto sviluppato da Google e Unioncamere, con il Patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, per favorire la digitalizzazione dei distretti  industriali italiani, proponendosi di sensibilizzare e formare le PMI  appartenenti a 20 distretti italiani sulle opportunità offerte dal web mettendo a loro disposizione le competenze di 20 giovani che si sono aggiudicati una delle borse di studio messe a disposizione da Google.

Di seguito il link all'articolo del Sole:

http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2013-05-22/google-unioncamere-portano-distretti-181942.shtml?uuid=Ab0QSByH

 

Primo Rapporto nazionale di referenziazione

image miniLo scorso 29 maggio il Ministero del Lavoro e l’Isfol, in rappresentanza di tutte le Autorità nazionali e regionali, hanno presentano il Primo Rapporto di Referenziazione Nazionale allo European Qualification Framework (EQF) alla Commissione Europea e ai Paesi che aderiscono al Quadro EQF. L’EQF (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 aprile 2008) è una meta-struttura, articolata in otto livelli a complessità crescente, ognuno descritto in termini di conoscenze, abilità e competenze.

Gli Stati che aderiscono al processo sono chiamati a collocare negli otto livelli tutti i titoli di studio e le qualificazioni professionali rilasciati nel Paese. L'obiettivo è quello di disporre di uno strumento agile per favorire il riconoscimento dei titoli e delle qualifiche degli individui e sostenere i percorsi di mobilità transnazionale. Il Primo Rapporto di Referenziazione italiano è il risultato di un lavoro di analisi e confronto durato circa 4 anni, che ha visto il coinvolgimento di numerosi attori istituzionali (Ministeri del Lavoro e Politiche Sociali e dell'Istruzione, Università e Ricerca , Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le politiche europee, Regioni e Province Autonome), delle parti sociali e di esperti internazionali, e ha fatto registrare un’ampia condivisione attraverso la consultazione pubblica svoltasi lo scorso anno. Il 20 dicembre 2012 il Rapporto è stato formalmente adottato dal nostro Paese, nell'ambito di un Accordo Stato-Regioni.

Nel primo Rapporto nazionale l'Italia referenzia tutti i titoli rilasciati dal sistema di istruzione, anche a livello universitario, e le qualificazioni rilasciate dalle Regioni e Province Autonome sulla base di accordi nazionali (IeFP e IFTS). L’Advisory Group, sede deputata alla presentazione del Rapporti nazionali e gruppo di coordinamento dell’implementazione dell’EQF a livello comunitario - che riunisce le 36 autorità nazionali dei Paesi che aderiscono al processo (fra membri UE e paesi limitrofi) oltre ad alcuni stakeholders -, ha riconosciuto ed apprezzato gli sforzi fatti dal nostro Paese e i risultati raggiunti. Il processo di referenziazione è progettato, infatti, come strumento per aumentare il mutual trust, ovvero quella fiducia reciproca tra Paesi che è alla base del riconoscimento dei titoli e delle qualifiche. E' dunque un processo che esamina il complesso dei sistemi formativi di ciascun Paese per verificare la presenza di un sistema di qualificazioni definite in termini di risultati di apprendimento (learning outcomes) e l’adozione di adeguate misure di assicurazione della qualità.

L'Italia è da molti anni impegnata a rinnovare il proprio sistema di istruzione e formazione lungo le direttrici condivise a livello europeo e nella cornice della costruzione di un sistema per il lifelong learning. I risultati raggiunti con il primo Rapporto di referenziazione sono stati ampiamente sottolineati, riconosciuti ed apprezzati dall’Advisory Group che ha, da un lato, espresso l’auspicio che si possa in tempi brevi completare la seconda fase di referenziazione, relativa alle qualifiche rilasciate dalle Regioni e Province Autonome e le professioni regolamentate e, dall’altro, evidenziato l'importanza di acquisire ulteriori progressi nella generalizzazione dell'approccio per Learning Outcomes, nonché nell'introduzione effettiva di meccanismi/requisiti di qualità nei sistemi nazionali e regionali, e a livello dell'offerta formativa, in linea con la raccomandazione europea. L’intesa raggiunta il 20 dicembre 2012 assicura che, a partire dal 2014, tutti i certificati rilasciati nel nostro paese riporteranno l’indicazione del corrispondente livello EQF. Il Punto Nazionale di Coordinamento, istituito presso l’Isfol, assicurerà la diffusione del Rapporto a livello nazionale ed europeo, sostenendo l’implementazione degli impegni assunti dall’Italia.

Pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni della Pubblica Amministrazione

E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5 aprile 2013, il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33, recante "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni".

Il decreto, che è entrato in vigore il 20 aprile 2013, riordina tutte le norme che riguardano gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte delle Pubbliche amministrazioni e introducendo delle sanzioni per il mancato rispetto dei vincoli.

La Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana mette a disposizione gratuitamente delle Pubbliche Amministrazioni l'applicativo web per conformare i siti istituzionali alla nuova normativa sulla pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni delle P.A..

A tale proposito, il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione e il Direttore della Gazzetta Amministrativa hanno sottoscritto, in data 23 aprile 2013, un accordo sulla digitalizzazione e l'utilizzo di internet nella Pubblica Amministrazione, al fine di inserire nella gamma dei servizi di innovazione tecnologica gratuitamente già fruibili dalle Pubbliche Amministrazioni anche l'applicativo web "Amministrazione Trasparente" realizzato dalla Gazzetta Amministrativa.

L'applicativo web, totalmente gratuito in ogni sua fase - installazione, manutenzione, adeguamenti ed ogni altra assistenza inerente al servizio - costituisce un valido ausilio alla corretta attuazione della recente normativa di riordino di cui al D.Lgs. n. 33/2013 in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni delle Pubbliche Amministrazioni.

Apprendistato – Mancanza del CCNL e deroghe per le attività stagionali – Chiarimenti dal Ministero del Lavoro

Con gli interpelli nn. 4 e 5 del 5 febbraio 2013, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fornito importanti chiarimenti in ordine all’applicazione del contratto di apprendistato.

Il primo interpello è stato presentato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro e ha per oggetto la possibilità di sottoscrivere un contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere nei casi in cui un’azienda non applichi un CCNL, ma un contratto individuale plurimo e, per di più, nel settore di attività della stessa, manchi un accordo interconfederale che regolamenti la materia.

Il secondo è stato presentato da Federalberghi e riguarda la corretta interpretazione dell’art. 4, comma 5, D. Lgs. n. 167/2011, che introduce una particolare disciplina dell’apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere da svolgersi in «cicli stagionali». Infatti, secondo la predetta disposizione, per i datori di lavoro che svolgono attività stagionali, i CCNL possono prevedere specifiche modalità di svolgimento del contratto di apprendistato, anche a tempo determinato: l’istante chiede pertanto come tale previsione si possa conciliare con l’onere di stabilizzazione del personale apprendista ai fini dell’assunzione di altri lavoratori con tale tipologia contrattuale.

Pagina 1 di 2

SEGUICI SUI SOCIAL

Seguici su Facebook

CONDIVIDI

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixxRSS Feed

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.